Camion killer sull'A4, arrestato l'autista: era ubriaco

Stampa Home
Articolo pubblicato il 24/09/2016 alle ore 08:20.
La scena dell'incidente
La scena dell'incidente

Si svolgerà questa mattina ad Ivrea l'udienza di convalida del camionista dell'Est Europa che ieri sera ha sterminato una famiglia al casello di Rondissone, sulle corsie per Milano dell'A4. Era ubriaco (sembra al punto da non reggersi in piedi) e forse non si è nemmeno reso conto dell'incidente di Rondissone, come di quelli da lui stesso causati con il suo Scania prima alla Falchera e dopo a Villarboit, dove è stato fermato. Accusato di omicidio stradale, rischia dieci anni di carcere. Intanto, sono state identificate le vittime: si tratta di Nora Rharif, 30 anni,  e di suo marito Mustafà El Chouifi, 39, residenti a Torino in corso Agnelli. Gravi i tre figli, un nenonato e gli altri di 3 e 5 anni, soccorsi dai medici del 118 e ora ricoverati al Regina Margherita di Torino. A causa di un autista ubriaco, sono rimasti soli. 

Tags: rondissone,autostrada,a4,incidente,mortale,due morti,autista,killer,ubriaco,camion pirata,tre bambini,bambini,feriti,arrestato,omicidio,omicidio stradale

Territori

Cronaca

Cultura

Sport