Con una "forchetta" manomettevano gli sportelli bancomat: tre uomini in manette

Stampa Home
Articolo pubblicato il 14/12/2016 alle ore 14:55.
Con una "forchetta" manomettevano gli sportelli bancomat: tre uomini in manette 1
Con una "forchetta" manomettevano gli sportelli bancomat: tre uomini in manette 1

Li hanno fermati poco dopo aver manomesso il primo bancomat e con ogni probabilità anche altri bancomat avrebbero subito la stessa sorte.

Gli agenti della Polizia di Stato del Commissariato Borgo Po, transitando in corso Moncalieri hanno notato una Ford Focus con targa francese, con tre persone a bordo che, alla vista degli agenti ha invertito la marcia. I tre, cittadini rumeni residenti in Francia, rispettivamente di 46, 24 e 20 anni. I tre, una volta fermati, non hanno saputo giustificare agli agenti la loro presenza in corso Moncalieri. Nel corso della perquisizione, nell’auto, gli agenti hanno rinvenuto, occultati sotto la cuffia del cambio, 7 “forchette”: dispositivi artigianali utilizzati per la manomissione dei bancomat. Nel cruscotto, i poliziotti hanno anche trovato una carta di debito che il legittimo proprietario aveva smarrito giorni fa.

Sempre nel veicolo, questa volta occultata sotto il sedile del passeggero, gli uomini del Commissariato Borgo Po hanno trovato un’agenda nella quale erano riportati gli indirizzi di numerosi uffici postali di Torino, di altre città italiane e dei corrispettivi francesi, tra i quali quello di corso Moncalieri. Ogni indirizzo riportava al suo fianco anche un numero che con ogni probabilità indicava il numero di tentativi subiti da ciascuno sportello. La verifica effettuata presso lo sportello Atm di corso Moncalieri ha permesso di verificare l’avvenuta manomissione del dispositivo. Gli agenti hanno, infatti, rinvenuto una “forchetta” identica a quelle trovate in macchina. La tendina di erogazione del denaro era alzata e all’interno era stata inserita proprio la “forchetta” che di fatto non permetteva l’emissione del contante. Quest’ultimo rimaneva incastrato all’interno, permettendo ai malfattori di prelevarlo successivamente.

A seguito dei fatti accertati, i tre stranieri sono stati arrestati per furto aggravato in concorso.

Con una

Territori

Sport

Sanità

Politica