La GdF sequestra quasi 90 mila prodotti irregolari

Stampa Home
Articolo pubblicato il 02/12/2016 alle ore 10:05.
La GdF sequestra quasi 90 mila prodotti irregolari  3
La GdF sequestra quasi 90 mila prodotti irregolari 3

La Guardia di Finanza del Comando Provinciale di Vercelli nei giorni scorsi ha eseguito alcuni controlli finalizzati alla repressione del commercio di prodotti non sicuri per i consumatori. In particolare, in occasione dell’approssimarsi del periodo natalizio, sono stati sottoposti a controllo una serie di esercizi commerciali onde verificare se la merce posta in vendita fosse confacente agli standard di qualità e sicurezza imposti dalla normativa a tutela dell’utente finale dell’Unione Europea e nazionale. Durante le citate ispezioni è emerso che all’interno di un esercizio a Moncrivello  erano posti in vendita circa 89 mila prodotti potenzialmente dannosi, privi di marchiatura CE, ovvero privi di quella certificazione rilasciata da appositi enti all’uopo preposti a garanzia del rispetto delle norme di sicurezza e della genuinità della merce posta in vendita, e/o privi di indicazioni e precauzioni d’uso in lingua italiana in violazione dei Decreti Legislativi denominati “Codice del Consumo” e “sicurezza dei giocattoli”. Nel corso delle operazioni sono state infatti rinvenute sia tipologie di prodotti a destinazione ludica, giocattoli, articoli di cancelleria e cartoleria, sia numerosi altri articoli di vario genere di uso quotidiano, riconducibili a incensi a combustione, articoli per fumatori, articoli di igiene intima e ferramenta, privi dei requisiti minimi sanciti dai citati Decreti Legislativi. In particolare tra gli oltre 66 mila giocattoli posti sotto sequestro molti di essi presentavano parti e pezzi molto piccoli, particolarmente insidiosi per l’utilizzo da parte dei bambini, esposti a rischi di soffocamento in caso di accidentale ingestione. Il materiale non conforme, del valore di circa 40.000 euro, è stato sottoposto a sequestro amministrativo e il trasgressore è stato deferito alla Camera di Commercio di Vercelli. Allo stesso è stata altresì comminata una sanzione pecuniaria fino a un massimo di 30.000 euro.

Territori

Cronaca

Cultura

Sport

Sanità