L'angoscia dei chivassesi dopo l'attacco al cuore di Nizza

Stampa Home
Articolo pubblicato il 17/07/2016 alle ore 16:00.
L'angoscia dei chivassesi dopo l'attacco di Nizza  3
L'angoscia dei chivassesi dopo l'attacco di Nizza 3

Mentre col passare delle ore scende il numero degli italiani "irreperibili" dopo l'attentato di Nizza, sale invece l'angoscia dei chivassesi che in questi giorni stanno realizzando di essere "miracolati". Sono tantissimi, infatti, i concittadini che sono soliti trascorrere il periodo del 14 luglio in Costa Azzurra e, per quanto riguarda la maggior parte di loro, proprio nella città colpita giovedì sera da un attacco che ha fatto registrare 84 morti. Sono, come spesso accade, i social network ad offrire uno spaccato delle sensazioni e delle angosce dei chivassesi che rivivono attraverso post e immagini pubblicate su Facebook la bellezza della Promenade des Anglais, un luogo al quale hanno affidato le emozioni di un momento e che, in queste ore, dopo le drammatiche immagini diffuse da tv e giornali, è diventato un vero e proprio tempio del dolore e della paura. Le attestazioni di solidarietà al popolo francese e agli amici di Nizza non mancano sulle bacheche dei chivassesi. La città della Costa Azzurra, da anni, è una delle mete preferite dei nostri concittadini. Molti di loro, in particolare, proprio in questi giorni avevano programmato di trascorrere una vacanza nella località costiera francese, ma le paure e il terrore hanno vinto sul desiderio di molte famiglie di trascorrere una breve periodo di relax e divertimento nella perla a poca distanza dal nostro territorio.

Territori

Cronaca

Cultura

Sport