Pranzo di Ferragosto: secondo uno studio è uno "stress" per 7 piemontesi su 10

Stampa Home
Articolo pubblicato il 14/08/2016 alle ore 09:54.
Pranzo di Ferragosto: secondo uno studio è uno "stress" per 7 piemontesi su 10 2
Pranzo di Ferragosto: secondo uno studio è uno "stress" per 7 piemontesi su 10 2

Al mare o in montagna non fa differenza, la donna piemontese non vuole mancare all’appuntamento con il pranzo di Ferragosto, anche se teme di commettere gaffes che possano guastare l’evento. Secondo gli esperti di bon ton, un pranzo informale può essere reso unico evitando gli eccessi e puntando su una perfetta ma semplice organizzazione. Bambini che corrono da tutte le parti (32%), la suocera pronta a notare ogni dettaglio imperfetto (35%), il marito poco collaborativo (24%) e il timore di dimenticare qualche ingrediente fondamentale (41%): per 7 donne piemontesi su 10 (72%) il pranzo di Ferragosto, con amici e parenti, si potrebbe trasformare in una fonte di ansia e stress. Ma non per questo è un momento a cui vogliono rinunciare: che siano al mare, in montagna o ancora in città, le piemontesi di oggi, sempre in equilibrio tra famiglia, impegni e passioni, anche d’estate non rinunciano a dare il meglio di sé e celebrare le ricorrenze con creatività e un’ottima organizzazione, soprattutto in cucina. Ben 8 piemontesi su 10 (79%), nonostante gli inconvenienti che possono capitare, considerano infatti il giorno di Ferragosto come il momento perfetto per riunire famiglia e amici attorno alla tavola, sperimentandosi in cucina (69%) e studiando nel dettaglio sia il menù che l’allestimento della location (52%). L’importante è non eccedere mai, dicono gli esperti, ma giocare con una sorprendente semplicità. Sono questi i trucchi con cui soddisfare tutti gli ospiti, anche i più esigenti, e riuscire a godersi la giornata di festa. È quanto emerge da uno studio condotto da Buitoni, effettuato con metodologia WOA (Web Opinion Analysis) su circa 500 piemontesi di età compresa tra i 18 e i 65 anni, attraverso un monitoraggio online sui principali social network, blog, forum e community dedicate, oltre che su un panel di 20 esperti tra specialisti del bon ton e food-blogger, per capire come passeranno il Ferragosto le donne italiane. Ma come vive la donna piemontese equilibrista il periodo delle vacanze? Per il 66% è un momento per stare in famiglia. Spesso prese dal lavoro, dagli impegni extra familiari e dalla routine quotidiana, i giorni di ferie sono infatti un momento prezioso da dedicare a figli e partner, in un’atmosfera più rilassata, valorizzando ciascuno di loro. Complice il maggior tempo a disposizione, la vacanza è anche un momento per dar spazio alle proprie passioni (56%), mentre c’è chi preferisce gustarlo in completo relax (47%), senza pensare a nulla se non a ricaricare le energie. E per le più stakanoviste, Agosto può essere il mese perfetto per recuperare tutto ciò che si è lasciato indietro o pianificare quello che si dovrà ricominciare da settembre in poi (31%). Unica fonte di possibile preoccupazione, pare sia il pranzo con tutti i parenti e amici (72%) che però non spegne l’entusiasmo delle donne piemontesi di mettersi ai fornelli e dimostrare la propria creatività. Quali le problematiche maggiori? In primis il timore di sbagliare qualche ingrediente (41%) o non avere tutto sotto controllo: disagi che possono generare malumori tra gli invitati tra cui la suocera (35%). A render ancora più difficile la situazione si aggiungono anche il marito poco collaborativo (24%) e i bambini poco gestibili (32%). Nonostante questo, il 69% pensa infatti che le vacanze estive siano un ottimo momento per dedicarsi alla cucina, sperimentando nuove ricette da riproporre eventualmente anche nei periodi più impegnati. Sicuramente tante colgono l’occasione per incontrare gli amici che è difficile incrociare durante l’anno (58%) e il 46% ritiene che sia il periodo ideale per dedicarsi alla cura di sé. Una buona percentuale (39%), invece, trova ancora le energie per viaggiare o conoscere meglio le bellezze della propria città. Come viene vissuto l’importante appuntamento di Ferragosto dalle piemontesi Equilibriste? 8 su 10 ritengono che sia l’occasione per eccellenza per unire amici e famiglia attorno alla tavola (79%). Per il 68% è il momento giusto per una gita fuori porta, mentre il 42% lo considera un giorno di relax totale da trascorrere solo con i familiari più stretti. Solo il 14% pensa al risparmio o all’organizzazione, preferendo utilizzarlo per mettersi in viaggio a causa del minor prezzo dei biglietti e del traffico ridotto. “Anche il pranzo più informale e organizzato all’ultimo momento richiede per una buona riuscita un tocco di attenzione – afferma Barbara Ronchi della Rocca, esperta di galateo e autrice del libro “Si fa non si fa”-. Il segreto è soprattutto proporre qualcosa che l’ospite non trova a casa propria. E poi offrire cibi e bevande intonati al clima, alla stagione, all’ora. A Ferragosto è un must un’atmosfera rilassata, un luogo fresco, un’aria di vacanza anche se ci si trova in città. E’ l’occasione ideale per un buffet, magari coinvolgendo gli ospiti, se siamo davvero in confidenza, perché ciascuno contribuisca al menù. La padrona di casa dovrà fungere da regista, cioè preparare una ‘lista delle competenze’, perché l’insieme sia articolato e armonioso”. Per il 65% degli esperti, infatti, il menù di Ferragosto deve consistere in piatti estivi e sfiziosi, semplici da preparare ma di grande effetto scenico. Il 57% consiglia di non rinunciare ai piatti della tradizione familiare, magari rivisitati con un tocco di creatività. “Un ingrediente che considero perfetto per l’estate perché saporito e ricco di profumi ed evocazioni è il pesto, ottimo come fil rouge delle diverse portate e capace di unire i gusti di grandi e piccini – afferma la foodblogger Ilaria Mazzarotta –. Per Ferragosto consiglio una soffice focaccia al pesto con pomodorini, oppure degli sfiziosissimi pomodori ripieni di pesto, ricotta, pangrattato e parmigiano grattugiato. Un primo interessante, che riprende alcune delle migliori tradizioni del Sud Italia, può essere il risottino pesto e cozze, seguito da spiedini di gamberi alla griglia al pesto. Infine, nel dolce si può valorizzare un frutto di stagione come la pesca, che tagliata a fettine guarnisce una sfoglia ripiena di un composto di ricotta e miele, decorato con profumatissime foglie di timo”. Qual è il segreto principale per superare l’ansia da pranzo? Parola chiave per il 56% degli esperti: l’organizzazione. Spesa e inviti devono essere già programmati dalla settimana precedente, in modo da non commettere errori e poter fare una bella figura, senza dover strafare rinunciando al relax. Il 48% ritiene invece fondamentale la creatività, sia nel menù sia nella location. Il 36% punta sull’accoglienza: far sentire gli ospiti come a casa propria è sempre un ingrediente fondamentale. Infine, il 29% conta su un sano divertimento, spendendo le proprie energie per dar vita ad un momento che non risulti noioso agli invitati di tutte le età.

Territori

Cronaca

Cultura

Sport