Referendum, una serata con gli esperti per il Sì e per il No

Stampa Home
Articolo pubblicato il 23/11/2016 alle ore 12:54.
Referendum, una serata con gli esperti per il Sì e per il No 4
Referendum, una serata con gli esperti per il Sì e per il No 4

Il Referendum Costituzionale su cui da mesi stanno combattendo politici di ogni schieramento è ormai alle porte, ma cosa conoscono davvero i «cittadini» di questo importante quesito?
Noi della Nuova Periferia abbiamo deciso di organizzare una serata «per saperne di più», e al tavolo dei relatori abbiamo chiamato due personalità di spicco del mondo accademico e giudiziario che potranno spiegare nei minimi dettagli cosa significhi votare sì o no il prossimo 4 dicembre.
Per il «sì», abbiamo invitato Anna Maria Poggi, professore ordinario di Diritto Costituzionale del Dipartimento di Giurisprudenza dell’Università di Torino. Già vice rettore e preside della Facoltà di Scienze della Formazione, è stata anche componente del Comitato d’indirizzo scientifico dell’ANCI per l’attuazione del decentramento amministrativo e fiscale. Attualmente siede nel consiglio di amministrazione della Compagnia di San Paolo.
Per il fronte del «no», invece, al tavolo dei relatori salirà Rita Sanlorenzo, magistrato, Sostituto Procuratore Generale presso la Corte di Cassazione. Ex segretaria nazionale di Magistratura democratica, è stata per oltre vent'anni giudice del lavoro.
A questo punto, non resta che darvi appuntamento per martedì 29 novembre, alle 21, presso la Chiesa degli Angeli di via Torino, nel centro di Chivasso, per una serata sicuramente interessante e in grado di far prendere una posizione anche ai numerosi indecisi.

Territori

Cronaca

  • Trovato morto un camionista

    24-09-2017
    Ieri sera, 23 settembre, un camionista è stato trovato morto ad Azeglio nel pressi delle palafitte del lago di Viverone.
  • Montanaro, un altro rave party

    24-09-2017
    Gli abitanti di Montanaro avevano creduto veramente che con i blocchi voluti dal sindaco non si sarebbero più svolti i rave party

Cultura

Sport

Sanità

Politica